2 Dicembre 2022
1 Dicembre 2021

Siamo figli amati

Avvento! Ancora una volta siamo invitati ad andare “incontro al Signore che viene” e sperimentare che il suo venire verso di noi è proprio un dono.
Andare incontro al Signore è per noi appello anzitutto a riconoscere la tenerezza estrema con la quale Dio vuole continuare ad ammantare i suoi figli: il Padre manda il Figlio nel mondo per offrire al discepolo la possibilità di farsi certo di una cura che non viene meno: siamo figli amati! Per questo Dio non si stanca di fare Natale insieme con noi.
Ecco allora che l’Avvento può farsi anzitutto tempo per riconoscere, ancora una volta, i segni di una vicinanza di Dio che non viene meno, anche in questo tempo tribolato; siamo invitati alla riconoscenza per le quotidiane testimonianze di fedeltà e passione che circondano la nostra vita; siamo chiamati a far festa perché Dio alimenta la nostra speranza – anche nel dolore – attraverso i volti, le parole e i gesti di tanti che Egli ha messo sulla nostra strada.
In mezzo a parole di ostilità e rabbia gridata, di fronte a gesti di chiusura e divisione che affollano quotidianamente il nostro ascoltare, di fronte al continuo ma poco costruttivo lamento dei nostri giorni, verso tutto e verso tutti, la Parola di Dio viene ad offrirci quotidianamente le ragioni per le quali affidare ad un Altro, ben più lungimirante di noi, il cammino nostro, spesso faticoso ed incerto, a volte gioioso e carico di entusiasmo; un Altro che ha il segreto della vita e che ci insegna la libertà autentica, strada maestra per diventare veri uomini e vere donne!
Nel tempo dell’avvento custodiamo l’attesa: vorremmo che tutto di noi sia affidamento alla promessa di Dio, che è gioia e pace, anche dove i nostri giorni si rivestono di ingiustizie, insuccessi, ostilità, paure che abitano i nostri cuori in questi tempi di incertezza.
Buon cammino… incontro al Signore che viene, Lui sì, e sempre di nuovo, nelle nostre vite.

Don Luca