dgiovanni1

DOMENICA 20 MAGGIO

PENTECOSTE

 

Carissimi,

sono passati 50 giorni della Pasqua. Secondo la promessa di Gesù “Restate in città fin quando non sarete rivestiti dall’alto”. Inoltre 67 ragazzi riceveranno la S. Cresima. Accompagnarli, fare loro festa, chiede a ciascuno come io mi lascio guidare e qual è la presenza dello Spirito nella mia vita. Senza di Lui non è possibile una vita cristiana.

Richiamo brevemente i sette doni:

  • Sapienza: ti apre la mente, così come si spalancano porte e finestre di una casa chiusa da molto tempo. Ti aiuta a pensare come Gesù, ad avvicinarti alla logica del pensiero di Dio.
  • Intelletto: ti insegna a guardare dentro di te, a non fermarti alle apparenze e a non conformarti a quello che dice la gente.
  • Consiglio: ti mette in ascolto della voce di Dio e ti aiuta a scegliere la strada giusta.
  • Fortezza: ti insegna il valore della perseveranza, a resistere alle prove, ed è il giusto sostegno nella testimonianza di fede.
  • Scienza: ti mette al servizio del bene dell’umanità e ti permette di costruire un mondo nuovo.
  • Pietà: ti insegna ad amare in modo gratuito. Ti fa credere all’infinito amore di Dio.
  • Timor di Dio: ti svela la grandezza della Creazione. Ti insegna a fidarti di Lui e ti fa comprendere il valore dell’umiltà.

I modi per invocare lo Spirito sono molteplici. L’importante è che ci sia la consapevolezza e la preghiera.

MARIA MADRE DELLA CHIESA

Il Papa  ha istituito la Memoria Liturgica di Maria Madre della Chiesa che sarà celebrata ogni anno nel Lunedì dopo Pentecoste.

Il Beato Paolo VI a conclusione della terza sessione del Concilio Vaticano II aveva dichiarato Maria Madre della Chiesa.

San Giovanni Paolo II nelle litanie aveva introdotto questa invocazione e adesso Papa Francesco.

 Preghiera a Maria,

Madre della Chiesa e Madre della nostra fede

Aiuta, o Madre, la nostra fede!
Apri il nostro ascolto alla Parola,

perché riconosciamo la voce di Dio e la sua chiamata.
Sveglia in noi il desiderio di seguire i suoi passi,

uscendo dalla nostra terra e accogliendo la sua promessa.
Aiutaci a lasciarci toccare dal suo amore,

perché possiamo toccarlo con la fede.
Aiutaci ad affidarci pienamente a Lui,

a credere nel suo amore,

soprattutto nei momenti di tribolazione e di croce,

quando la nostra fede è chiamata a maturare.
Semina nella nostra fede la gioia del Risorto.
Ricordaci che chi crede non è mai solo.
Insegnaci a guardare con gli occhi di Gesù,

affinché Egli sia luce sul nostro cammino.

E che questa luce della fede cresca sempre in noi,

finché arrivi quel giorno senza tramonto,

che è lo stesso Cristo, il Figlio tuo, nostro Signore.

 

don Giovanni