dgiovanni1

DOMENICA 13 OTTOBRE

SINODO PER L’AMAZZONIA

Carissimi,

continuando l’attenzione per il Sinodo della Chiesa sull’Amazzonia, si è parlato senza mezzi termini di “ecocidio” e di “peccati ecologici” a danno della creazione. Peccati gravi perché offendono Dio e l’uomo. Da qui una conversione ecologica che coinvolge tutti.

Parlando della salute integrale dell’Amazzonia si è fatto memoria delle idolatrie colonialista del passato e del presente, in un modello di sviluppo capitalista che sta distruggendo la regione e di uno sviluppo ecosostenibile, di come la tecnologia può essere una possibilità di nuovi modelli di sviluppo.

Attualmente la deforestazione è vicina al 20% e tutti sanno che l’Amazzonia ha un ruolo determinante per il futuro del pianeta.

La sensibilità e l’educazione al rispetto dell’ambiente incomincia dalle piccole azioni quotidiane.

  • Ricordiamoci che noi siamo pellegrini e di passaggio su questa terra e non padroni. Usufruire senza danneggiare o saccheggiare.
  • Dal dono ricevuto ad azioni responsabili:
  • Perché non lasciare da parte di tutti, grandi e piccoli, gli ambienti in ordine come trovati quanto si entra? Dalla camera a chi ce l’ha, all’aula di scuola, di catechesi, ambienti oratoriani… Non carta per terra o altro?
  • Il mio sogno è che quando ci sono i grandi eventi religiosi, musicali, sportivi… non resti nulla per terra perché ciascuno porta via la propria immondizia. E’ così difficile e impossibile?
  • Un’ecologia integrale oltre al cibo e all’ambiente interessa anche quanto sentiamo, vediamo, parliamo? Siamo ancora capaci di finezza e buon gusto ovunque?

Sapere godere di un bel panorama è riconoscere la sapienza e l’amore del Creatore. L’uomo in quanto chiamato da Dio ad essere custode del creato sappia dire e vivere “Opere tutte del Signore, benedite il Signore”.

don Giovanni