La liturgia è azione, azione in una comunità; ci possono essere testi scritti, ma nella liturgia ciò che è contenuto in uno scritto passa dallo stadio chirografico, di per sé statico, a quello orale; finché questo passaggio non avviene, non c’è liturgia e la Parola non ha la sua originaria forza sacramentale. Di qui l’importanza del lettore quale ministro che partendo dalla parola scritta – in un certo senso, dalla parola morta –, la fa passare allo stadio orale, la «risuscita», la rende viva.
Per mezzo del suo ministero la parola di allora – lontana dal tempo e dallo spazio che l’hanno originata –, diviene parola di oggi, qui, un nuovo evento rivelativo: nel lettore Cristo parla oggi al suo popolo.

(da “Il lettore: tra ministero, istituzione e spiritualità”, di Gianfranco Venturi)

lezionario

  Lettori S. Messe festive dal 27 gennaio al 4 marzo (34,9 KiB)

  Lettori S. Messe feriali dal 8 gennaio al 10 marzo (25,1 KiB)