29 Gennaio 2023
  • Home
  • Parole del Parroco
  • Il dono di sperimentare la presenza del Signore Dall’Ucraina la riflessione del vescovo di Kharkiv‐Zaporizhzhia
24 Dicembre 2022

Il dono di sperimentare la presenza del Signore Dall’Ucraina la riflessione del vescovo di Kharkiv‐Zaporizhzhia

«Stanotte non faceva molto freddo, erano soltanto ‐4°C e adesso il termometro segna +2°C e c’è il sole». A parlare è monsignor Pavlo Goncharuk, vescovo di Kharkiv‐Zaporizhzhia. Se non ci fosse la guerra, per gli abitanti di Kharkiv, nell’est dell’Ucraina, come anche degli altri luoghi del Paese, questa sarebbe un’ottima giornata per prepararsi al Natale.
«Ieri ho parlato con un ventenne: i suoi genitori — racconta il presule — sono stati uccisi, la casa è stata distrutta, lui è rimasto completamente da solo, vive in una stazione della metro e ogni giorno deve pensare a come procurarsi cibo e vestiti. Storie del genere ce ne sono tante. Però grazie a Dio lui è vivo ed è in salute. Molti invece hanno perso la vita o sono rimasti feriti, anche con gravi disabilità».
Che senso può avere, gli chiediamo, festeggiare la nascita del Figlio di Dio in tali condizioni? E spesso sotto i missili che cadono, tra le case distrutte, tante volte senza luce, al freddo, con il dolore nel corpo per le ferite subite e con la sofferenza per la perdita dei propri cari?
«Il Natale — afferma monsignor Goncharuk — ci fa pensare alle fondamenta della nostra fede, alla presenza del Signore, ci ricorda l’importanza di stare con Lui perché Lui è con noi, anche se a volte siamo distratti dalle nostre preoccupazioni. L’esperienza della Sua presenza, il Suo respiro ci donano la forza, la gioia, la pace e la speranza, tutto quello che ci aiuta a superare queste difficoltà e reggere il colpo che riceviamo dalla crudele realtà che viviamo. In queste difficili condizioni, apprezziamo il dono della fede che ci aiuta a sentire la presenza del Signore. Questo è lo spirito con il quale ci stiamo avvicinando al Natale».
«La situazione — riferisce il vescovo Goncharuk — è molto complicata e diversa in ogni parte della diocesi, però grazie a Dio ci sono tanti volontari e benefattori che ci sostengono, anche se negli ultimi mesi gli aiuti sono diminuiti e con l’arrivo del freddo i bisogni delle persone aumentano».
Rivolgendosi ai cattolici di tutto il mondo, monsignor Goncharuk chiede di non rimanere indifferenti. «Di fronte alla sofferenza umana, a volte — osserva— ci sentiamo impotenti, non è facile trovare un modo per aiutare gli altri, oppure ci stanchiamo di questa ricerca e cerchiamo di fuggire». Questa fuga, se condo il vescovo, si manifesta attraverso l’indifferenza. Pertanto, è importante capire i motivi del nostro agire. «L’indifferenza è contro l’amore», sottolinea.
«Se invece vogliamo aiutare, dobbiamo guardarci intorno e chiederci: “Cosa posso fare? Come posso aiutare?” Ci sono diverse forme di aiuto. Ciò che è a disposizione di tutti è la preghiera: individuale o comunitaria. Un’importante modalità di sostegno è anche parlare e non dimenticare ciò che sta accadendo,
mostrare la compassione e offrire il proprio tempo a chi soffre. A volte basta semplicemente ascoltare una persona e abbracciarla, perché in alcuni casi le parole sono inutili e sbagliate».
In questo tempo di Natale monsignor Goncharuk chiede inoltre di non dimenticare i bambini che più di tutti soffrono in questa guerra e a volte non riescono ad esprimere a parole il loro dolore. «Il nostro atteggiamento verso i più piccoli — spiega — manifesta quello nei confronti della vita. I bambini sono completamente dipendenti dagli adulti e hanno bisogno di attenzione e cura.
Quindi chiedo di non lasciarli soffrire in solitudine, ma di stare al loro fianco e di ascoltarli». Anche un semplice regalo, come quello consegnato dalla Caritas locale alla vigilia di San Nicola, qualche dolce e dei giocattoli, può far tornare il sorriso sui loro volti.

(SVITLANA DUKHOVYCH)
Osservatore Romano, 23 dicembre 2022